giovedì 31 ottobre 2013

Calendario Pagano Di Novembre

01 Novembre, Samhain, Calenda, Samonios.

02 Novembre, Festa degli Antichi Spiriti. Festa di Epona. Festa di Loki.Onore a kalì.

03 Novembre L’ antimonio ha la proprietà di allontanare gli spiriti oscuri e di proteggere dai cattivi incanti 

04 Novembre Anche le donne potevano diventare druide . Ci è tramandato dalle fonti classiche che, nell’isola di Mona, durante l’attacco dei Romani, i druidi presenti non erano solo di sesso maschile, ma anche femminile. Suonavano le grandi arpe da guerra e salmodiavano per spaventare gli invasori. Anche la mitologia, inoltre, è ricca di riferimenti a druidesse, spesso specializzate come indovine, maghe e profetesse.

05 Novembre È il primo elemento,  da cui hanno origine gli altri  elementi ed è comunemente noto come etere.
Esso  costituisce la sostanza che è fondamento dell’intero universo e senza di esso i piani spirituale e fisico cesserebbero di esistere cosi come li conosciamo e la magia non funzionerebbe…. in quanto è l energia dal quale le streghe attingono il potere.
La punta del Pentagramma che rappresenta lo Spirito è quella in altro centrale.

06  Novembre Se volete dimenticare una persona, o allontanare dei pensieri negativi, antichi dolori che ancora vi fanno male, potete fare il vostro rito nella vasca da bagno.
In questo caso usate il bagno come luogo di potere,
metteteci candele blu e mettete del sale grosso consacrato in un  panno bianco, pensate a tutto ciò che vi fa soffrire.  
Fatelo in luna calante e mentre  vi risciacquate pensate ai dispiaceri e a ciò che volete bandire.

07  Novembre Per mettersi in simbiosi con l elemento terra bisogna :
Coltivare delle piante,passeggiare nei boschi e dove è possibile ( occhio al terreno che non ci siano oggetti o cose che tagliano)camminare a piedi nudi anche in un luogo di montagna o campagna, indossare colori di terra come nero, verde e marrone e pietre come il smeraldo.
Usare pietre per l altare.
Rammentare i nostri cari estinti e dedicarsi a persone anziane o accudire animali dando loro del cibo.
Fare pranzi a base di verdure,funghi e fragole e frutti del bosco, dedicarsi a passatempi quali lavorare il legno,le pietre o semplicemente la pasta di sale o al creta. Badare anche al risparmio.

08  Novembre La cucina è per la strega il cuore della casa… lì si riunisce la famiglia e si preparano incantesimi, oli e incensi magici.. già il cucinare stesso racchiude un atto di magia e per molte di noi in cucina si allestisce l’ altare… ma anche un piccolo segno alla Dea Madre per i frutti della terra che ci nutrono e a Vesta Dea del focolare nonchè ai numi domestici sono sufficienti a ricordare la sacralità del luogo…

09  Novembre Venere è il corpo celeste  più luminoso del cielo dopo sole e luna tanto da essere definito stella del mattino o della sera. Per  massa e struttura interna è quello che ha più somiglia al nostro pianeta ma il suo campo magnetico non  è forte e quindi sono favorevoli le azioni dei venti solari che prosciugano la sua atmosfera,  è privo di satelliti,  anche se  esistono moltissimi asteroidi.Porta un nome femminile associato alla Dea della  bellezza e delle arti, ma come stella del mattino viene attribuito anche a lucifero “il portatore di luce” prima della sua caduta ..ora è presidiato da Anael e il suo giorno è il venerdì, i suoi colori verde e rosa domina sulla costellazione zodiacale della Bilancia e del Toro, ma estende la sua influenza positiva anche su  Acquario e Gemelli.

10  Novembre Karma deriva da una parola sanscrita :”Karman” cioè azione e per gli orientali può essere tradotto in “legge di causa ed effetto”. In molte religioni antiche vi è il concetto di reincarnazione,il karma è dunque l’ insieme di ciò che abbiamo accumulato a livello animico. Quindi gli ostacoli, le prove che si affrontano nella vita attuale sono l’ elaborato delle nostre vie precedenti, riviviamo situazioni precedenti per poterle superare.Ciò che accade nella nostra attuale esistenza è responsabilità nostra e non viene più inquadrato come opera divina diretta, la quale è sempre presente,ma agisce secondo ciò che abbiamo plasmato nelle vite precedenti.L’ astrologia karmica mette in luce il percorso svolto dall’ anima  nel suo ciclo morte-rinascita..la cosi detta Samsara (Ruota della vita). 

11 Novembre, Festa di Sucellus, antica divinità celtica dell'agricoltura, delle foreste e delle bevande alcooliche.

12  Novembre Il Calochortus Albus o Lanterna delle Fate è un fiorellino che proviene dalla California e fa parte della famiglia delle Lilliacee. Va bene  per la  meditazione sulla nostra infanzia o sulla nostra parte infantile e le fate entreranno nei nostri pensieri con dolcezza.

13  Novembre .I Celti si diceva,credevano alla tradizione che nel sambuco dimorasse la fata Holda  assieme agli  elfi. I contadini si inchinavano davanti al sambuco 7 volte, tanti quanti erano i suoi doni curativi.

14  Novembre La “pianta di Ecate” per eccellenza è la mandragola, detta anche “pianta del diavolo” la cui radice ramificata assume la forma di una figura umana: è perciò un simbolo potente dell’ uomo nella sua interezza. Contiene, inoltre,alcune sostanze tossiche e allucinogene tanto che se ne servivano le streghe per i loro viaggi  al sabba e in molti rituali magici.E’ ritenuta pianta “viva”, che protegge  e accompagna colui o colei che  custodisce la sua radice , avvisandola dei pericoli con pianti e lamenti udibili.

15 Novembre Con il termine Akasha in molte pratiche magico/esoteriche si intende il primo elemento “invisibile” che riunisce i cosiddetti altri quattro elementi “classici”, visibili: (terra, acqua, fuoco ed aria).

16 Novembre  bagno per accrescere fascino:
Prendere  tre candele piccole 2 bianche e una rossa, e una candela rosa normale. Preparare  un bagno al quale aggiungere 3 gocce di olio essenziale  alla rosa e 3 di cannella. Intanto preparare  un infuso di camomilla e poi versarne tre bicchieri nell’acqua insieme al resto! spegnere tutte le luci e accendere le tre candele intorno alla vasca, mentre quella rosa accenderla vicino allo specchio. Immergersi  nell’acqua calda e lasciarsi  avvolgere dalle fragranze e dalla carezza dell’acqua. Rilassarsi  a fondo e visualizzarsi  mentre “sei sicura di te, bella, forte,avvolta in una nuvola argento e rosa”, quando ci si sente  pronti uscire  dall’acqua andare allo specchio, guardarsi  alla luce della candela e con in mano un ambra o un quarzo rosa ripetere per tre volte “Dea Luna, grande Iside fai che la mia bellezza interiore riaffiori, sia magnetico il mio sguardo e splendido  il corpo, perché io sono bella!” lasciare consumare la candela rosa fino alla fine e poi seppellire  i resti nella terra ripetendo ancora la formula.

17 Novembre Nella ritualistica, nell’ evocazione del 5 elemento , vengono utilizzate candele bianche ed è collegato al cervello e all’ Aura

18 Novembre, Festa di Artia o Artio. è una dea  che ritroviamo in  Gallia e  Britannia, sotto forma di Orsa, (Arth in gaelico significa orso). Sembra sembra connessa ai concetti di  abbondanza, e alla forza della Natura con i suoi moti di  sonno-sterilità (autunno-inverno) e risveglio-abbondanza (primavera estate) che si rispecchiano nel comportamento degli orsi.

19  Novembre Non dimentichiamo un angolo per gli spiriti del bosco,composto da immagini di fatine , gnomi , elfi e simboli degli elementali , se poi avremo la possibilità di farlo all’ aperto,sul balcone,non mancheranno offerte di fiori, dolci e miele per loro.

20 Novembre Molti segnali e situazioni sono determinate dai numeri , i quali spiegano e sono segnali importanti… quante volte un numero, senza che ne comprendiamo un motivo si ripete costantemente , quasi a  scandire i ritmi della nostra vita…essi vanno pari passo alla luce e all’ energia riportando un equilibrio dovuto alle risposte e alle comprensioni che essi recano con sè.

21 Novembre 
Sagittario ( 21 Novembre – 21 Dicembre ).
Nono segno dello zodiaco.
Il Sagittario è simbolo di saggezza, dominato da Giove che gli conferisce autorità e sapienza.
Iconograficamente è rappresentato da un Centauro con l’arco teso ( verso Antares dello Scorpione) e la freccia pronta a scoccare,simbolo della saggezza umana in cui la creatura è metà uomo e metà cavallo a significare la capacità dell’uomo di dominare l’istinto dell’animale che è in lui.

22 Novembre Un cuore di lapislazzuli ,pietra  consacrata alle Dee Afrodite e Iside vi farà beneficiare del favore di queste Dee.

23 Novembre e candele prima di giungere a noi sono venute a contatto con diverse persone e ambienti e hanno assorbito onde negative di cui non è opportuno rimangano intrise durante un rituale, le  candele vanno  quindi purificate.

24  Novembre Un venerdì notte di luna crescente preparate un incenso con almeno 3 delle seguenti erbe e: Mirto, verbena , fiori di melo,sandalo o aloè, petali di rosa rossi o rosa,o.ess. di geranio o melissa o bergamotto.L’incenso va poi conservato in un contenitore in rame.La mattina successiva,sempre di venerdì, accendete l’ incenso (3 pizzichi) davanti allo specchio consacrandolo alla Dea Venere e  indossate un quarzo rosa opportunamente purificato e caricato.Per purificare il quarzo basterà metterlo qualche minuto sotto l’ acqua corrente ( occhio che non cada e non vada a intasare lo scarico) e poi metterlo alla luce della luna piena o tenerlo tra le mani  e visualizzare il vostro intento… una specie di richiesta al Deva del cristallo , Indossarlo… ripetere per 7 giorni… aumenterà il vostro fascino magnetico…

Ruis, 25 Novembre –  22 Dicembre:
-25 Novembre, giorno del Sambuco.

26 Novembre Durante le operazioni magiche,nel cerchio sacro porre,ad Ovest una coppa d’acqua, se di fonte ancora meglio, altrimenti usare conchiglie e anche il calderone è strumento legato a questo elemento tanto è vero che se si fa uso spesso di infusi e decotti per gli incantesimi sarebbe opportuno “consacrare” i pentolini da utilizzarsi solo per questo tipo di scopi.

27 Novembre gli incensi planetari sono utili per i rituali o per confezionare sacchettini legati ai singoli pianeti.Per prepararli in casa occorrono erbe, candela e olii adatti.Bisogna tenere conto anche della fase lunare e del giorno e ora.Un’ esempio è l’ incenso di Marte:in un ora diurna , di Martedì ,fase crescente,alla luce di una candela rossa, pestare in un mortaio, recitando il Mantra adatto, alcune erbe quali Ortica-Sangue di Drago-Peperoncino- olio ess. di Lavanda.

28  Novembre Se si sceglie il momento giusto in cui poter compiere un determinato rituale o incantesimo o qualsiasi azione è possibile incanalare le energie eteriche di un determinato corpo celeste in modo che siano conformi all’ obiettivo dell’azione stessa,magia o incanto.
Assume così la giusta forza ed energia l’ azione magica, resa occulta, l’ attacco, la forza fisica e l’ energia…..

29 Novembre    Lunedì - Luna: La sua energia è propizia , la famiglia, la casa e il focolare, il giardino e la medicina. Infonde energia anche ai rituali che riguardano lo sviluppo psichico e il sogno profetico a tutto ciò che riguarda veggenza e divinazione. Angelo Gabriel

30 Novembre, Festa di Diana.

SAHMAIN

Per Sahmain  ricordiamoci preghiere e offerte, consistenti in  alimenti  da lasciare sotto un albero o sui gradini della porta mentre le sedie supplementari andrebbero, quando si può, messe fuori. 
I focolari  vanno puliti e quelli domestici scaldati da un falò sacro che è acceso per sfregamento.
Le Divinità patrone di questa festa sono  Dagda ed  Morrigan.

 Rituale

Sull'altare  fare composizioni con mele, melagrane, zucche, zucchine, ed altri frutti del tardo autunno nonchè fiori autunnali come i crisantemi. 
Si scrive su di un pezzo di carta da pane o pergamena  un aspetto della vita del quale desideriamo liberarci: rabbia, sentimenti riposti male, malattie,vizi,cattive abitudini. 
Davanti a noi il disegno della Ruota dell' anno o qualcosa che la rappresenti e un contenitore,se abbiamo il calderone è l' ideale , con una candela dentro.
Il pensiero deve andare verso il bene.. facendo salire le nostre vibrazioni, ricordando i nostri cari, sublimandoli in un altra dimensione.

Si apre il cerchio e si enuncia:


Notte Sacra, la ruota giunte a fermarsi e riprendere il cammino del nuovo anno
Si assottiglia il velo tra le dimensioni.
La Dea e il Dio si incontrano,
guardano la ruota girare,
confrontano la Vita,
confrontano la Morte.


Sospesi tra i sogni 
riprendiamo una verità profonda,
per capire il passato e  
sciogliere il Karma,
creare il futuro,
vivere il presente,
l' attimo è qui e ora!
Onoriamo chi è stato prima di noi 
carne della nostra carne 
sangue del nostro sangue
la loro anima si avvicina 
in questa sacra notte
per ritrovare
oltre il tempo e lo spazio antiche armonie...
nuove strade
e luminose chiarezze!




Si invocano le Divinità

Grandi Dee vi offro questi doni 
(sollevare i frutti)

Grande Dio 
Sole luminoso
Grande Dea, luna sovrana.
Illuminate ciò che oscuro, 
Date luce a ogni mio passo,
accettate il mio grazie
per avermi accompagnato nella ruota dell' anno
(porre il frutto al centro della ruota)

Accendere una candela bianca nel recipiente e bruciare, uno a uno i foglietti:
Il tempo scorre
ogni dolore e vizio
ciò che è dannoso la ruota del tempo 
girando porta via
e cancella ogni male dalla vita mia!

Ringraziamento:
Salutiamo la Signora 
l' anno finisce
l' anno inizia
Salutiamo il Signore
che entra nell' oscurità 
per riportare luce!
Questo fuoco il negati

vo ha trasformato in positivo...
Fuoco Sacro apporta chiarezza sul nostro cam


mino
alza le tue fiamme 
per ringraziare i quattro elementi e le Divinità...
La ruota riprende a girare...gira gira gira....

  
Ora se si ha in prospettive altri incanti si possono svolgere.
Chiudere il cerchio e ricordarsi di ringraziare...per Sahmain è tradizione lasciare un piatto di cibo fuori di casa per le anime dei defunti. Sulla finestra porre una candela che  li guidi verso la terra eterna, e seppellire mele per nutrire i trapassati nel loro viaggio.

domenica 27 ottobre 2013

Gatti e Dintorni

Gli antichi vivevano dei raccolti dei campi e gli Egizi, con i loro abbondanti raccolti , stipati in enormi granai si vedevano giorno per giorno , aumentare , gli "attacchi " e il moltiplicarsi di topi e roditori. 
Per questo motivo, iniziarono ad accogliere e addomesticare i gatti selvatici africani, che si pensa siano gli antenati  dei nostri attuali gatti. 
Uno dei più antichi documenti matematici conosciuti è un rotolo egizio lungo circa 5 m e alto circa 30 cm. Lo scrisse Ahmes nel 1650 a.C. ricopiandolo in parte da testi di tre secoli prima. L'egittologo scozzese Henry Rhind lo acquistò a Luxor, sul Nilo, nel 1858. Per questo si chiama Papiro di RhindoPapiro di Ahmes. Attualmente è conservato al British Museum.
Ahmes, il figlio della luna, è il primo matematico che scrisse il proprio nome su un documento giunto fino a noi.
Una citazione di Ahmes.
Calcolo esatto: l'accesso alla conoscenza di tutte le cose esistenti e di tutti gli oscuri misteri.
Tratto da A. B. Chase, Rhind Mathematical Papyrus (Reston Va. 1967).
Ebbene in questo papiro si nominano i gatti per insegnare agli studenti Egizi la matematica:

In una proprietà ci sono 7 case.
In ogni casa ci sono 7 gatti.
Ogni gatto acchiappa 7 topi.
Ogni topo mangia 7 spighe.
Ogni spiga da 7 heqat di grano.
Quante cose ci sono in tutto in questa storia?

La sacralità del gatto, che entrò,giorno dopo giorno , nelle attività e nella vita degli Egiziani,si associò alle figure di Divinità: Legato al Sole e Osiride e alla Luna Iside, si adorava Bastet la Dea la cui testa era un felino. Il suo tempio principale era a Bubastis nell Alto Egitto. Il gatto chiamato "miao" aveva grande considerazione per gli Egizi, che ne possedevano almeno uno per famiglia e che rispettavano tanto da
portarne il lutto in caso di morte del felino di casa. Nel tempio della Dea,furono ritrovati parecchi gatti mummificati. Lo scopo era che questi animali potessero essere messaggeri tra gli Dei e il loro padrone.
Bastet  è ritenuta figlia di Ra, inviata per annientare i nemici dell’Egitto e dei suoi dei. 


Quando muore uno di questi animali,i cittadini lo avvolgono in una tela di lino e, piangendo e battendosi il petto, lo portano dall'imbalsamatore. Dopo essere stato trattato con olio di cedro e spezie che hanno la capacità di infondere un odore gradevole e di preservare il corpo per molto tempo, lo depongono in una tomba consacrata. E chiunque uccida intenzionalmente uno di questi animali viene condannato a morte, a meno che non si tratti di un gatto o di un ibis; perchè se viene ucciso uno di questi due animali, anche per caso, il criminale verrà certamente condannato a morte, perchè la gente comune si riunisce attorno al colpevole trattandolo in modo crudele, talvolta senza neanche fargli il processo. ... La superstizione che questi popoli hanno nei confronti di questi animali è così radicata nei loro cuori e le emozioni nutrite da ognuno di loro sono così inalterabili che una volta, nel periodo in cui il loro re Tolomeo ancora non aveva ricevuto dai romani l'appellativo di "amico" e tutti cercavano di conquistare il favore dell'ambasceria italiana che in quel periodo era in visita in Egitto, e quindi per paura cercavano di non dare adito a motivi per scatenare guerre o lamentele, se un romano uccideva un gatto e la folla si precipitava a casa sua, né gli ufficiali del re mandato a proteggerlo né la paura di Roma erano sufficienti a salvare l'uomo dalla punizione, anche se era stato un incidente. E questo non mi fu raccontato, ma lo vedemmo con i nostri occhi in occasione della nostra visita in Egitto. (Diodoro Siculo - I° sec. a.C.)

Di duplice aspetto, pacifico e feroce di gatta o di donna gatto è Dea benevola, che protegge, Dea feconda e patrona delle partorienti; nel suo aspetto più severo è nota per le sue ire, la cui testa leonina,  si identifica con Sekhmet, la Potente, Dea della guerra e della medicina. 
Bella, magnetica e sensuale.. può essere di pericolosamente attraente e graffiante.

La Leggenda:
Ra inviò a sterminare l' umanità, perchè era offeso dal comportamento degli uomini, Hathor che assunse le sembianze della Dea e cominciò il suo compito, ma era furente e gli Dei spinsero Ra a sentimenti più miti. 
Per placare l' ira della Dea ormai presa dall' istinto felino che incarnava, tinse di rosso la birra   facendogli credere fosse sangue. Ubriacandosi la Dea   cadde in un sonno profondo e ristoratore che la calmò dandogli
intenzioni più pacifiche sotto la forma della Dea Bastet, la quale si lavò nel Nilo prima di dirigersi a Bubastis. Questo viaggio divenne poi pellegrinaggio sacro dedicato alla Dea e ai gatti da parte degli egiziani.
Sekhmet "Signora delle Bende ", amava i profumi e suonava il sistro, strumento di Iside e usato anche da Hathor, i suoi riti erano dedicati alla purificazione legati al ciclo mestruale e i festeggiamenti a lei dedicati si tenevano:

31 ottobre - Giorno di festa dedicato a Bast e Sekhmet
30 novembre - Giorno di festa dedicato a Sekhmet
31 dicembre - Giorno fortunato di Sekhmet
7 Gennaio - Nascita di Sekhmet 

Il Gatto nella sacralità e nella leggenda


"Io sono il gatto che lottò coraggiosamente presso l'Albero di Acacia ad Eliopoli la notte in cui i nemici del Tramonto furono distrutti.
Chi è questo gatto?
Questo gatto maschio è il dio del sole Ra in persona che fu chiamato Mau per il discorso che il dio Sa fece su di lui: Egli è simile a colui che lo ha creato, e quindi il nome di Ra diventa Mau. Altri, però, dicono che il gatto maschio è Shu, dio dell'Aria, che trasferì tutti i beni del dio della terra Geb ad Osiride.
Per quanto riguarda la lotta che avvenne nei pressi dell'Albero di Acacia ad Eliopoli queste parole si riferiscono al massacro dei figli della ribellione quando gli fu data la giusta ricompensa per tutto il male che avevano fatto. E a proposito della notte della battaglia, queste parole si riferiscono all'invasione della zona orientale del cielo da parte dei figli della ribellione da cui scaturì una grande battaglia in cielo e in tutta la terra."
(da "Il libro dei morti" - antecedente al 3000 a.C.).


Il gatto e la gatta, animali mistici e misteriosi, i cui poteri si percepiscono.. quante volte abbiamo pensato,
osservando un gatto che sta vedendo, fisso, con lo sguardo perso nel vuoto, qualcosa che noi non vediamo... e questo pensiero ci regala un brivido , di paura e di emozione, facendoci sentire vicini a nuove dimensioni... momenti che sfumano quando il micio si acciambella tranquillo...
Le sue passeggiate sui tetti le immaginiamo percorsi misteriosi affacciati alla luce della luna con la quale, il gatto ha segrete connessioni...

Gli egizi hanno osservato negli occhi di un gatto le varie fasi lunari perchè con la luna piena splendono di più mentre la loro luminosità diminuisce con la luna calante e il gatto maschio muta l'aspetto dei suoi occhi anche in relazione al sole; infatti , quando il sole sorge, la sua pupilla è allungata; verso mezzogiorno è rotonda e la sera non si vede affatto e sembra che l'intero occhio sia omogeneo.
Così diceva Edward Topsell, il religioso inglese che scrisse molto sugli animali mitici e sulle lezioni morali a loro legate.


Così misteriosi da essere ritenuti satanici amici delle streghe ,specie se neri, nell' epoca dell' inquìsizione. Simbolo di fascino e pericoloso magnetismo si associa a Lilith , ma non solo...un racconto tratta che durante la  ricerca del Libro di Thoth,  una sacerdotessa di Bast,   sedusse il principe Setna, ordinandogli  di ripudiare  la moglie ed di sacrificare  i figli a Bastet. Tanto era la potenza del fascino emanato da chi incarnava la forza felina. Per questo le donne Egiziane si truccavano gli occhi ad imitare il gatto... per assumerne il potere fatale e divino.
Il gatto è dunque un animale magico.. capace, così dicono vari episodi,  di percepire  la morte del padrone o  un pericolo,  di essere munito di   telepatia,  di predire i terremoti, temporali e altri eventi catastrofici “vedere” gli spiriti dei defunti e altre entità.



mercoledì 23 ottobre 2013

Sahmain

C è un luogo oltre il tempo e lo spazio...                      
i sogni impalpabili divengo luce vera,
nel confine tra i due mondi si apre il varco
intessono i fili del destino Dee dalle fini dita.                                
La nebbia nasconde segreti,
echeggia tra le valli il canto degli antichi
sospesa tra buio  e luce
vaga la strega
mormora scongiuri
anime libere
sussurrano canti.
Le fiamme guizzano nel camino..
semi di zucca, rosmarino e sale..
brucia sul carbone la candela dello Spirito Santo....
L' incanto si compie mentre la cenere
brilla tra le dita affusolate della strega...
La notte delle tenebre squarcia i veli...
si apre il sipario di un nuovo anno.
Sorge il giorno
tiepido raggio
ricomincia a girare la ruota dell' anno...




Sahmain.. ci risiamo..la ruota si chiude per proseguire lentamente il suo corso mentre la natura dorme per rigenerarsi in attesa del rinascere del sole a yule.E’ il momento del solenne ringraziamento. Gli Dei e la Grande Madre Natura ci hanno elargito molto nei mesi passati! vero che ci sono stati per molti momenti difficili.. ma siamo qui, a meditare, a vivere, a godere ancora delle meraviglie che ci circondano e solo di questo dovremmo essere grati!

Ognuno ha modi e tradizioni diverse per onorare questo momento speciale eccone alcuni: Sahmain è festa legata ai frutti  autunnali come mele,noci e zucche.Tutti conosciamo l’ uso delle zucche intagliate.. inizialmente in Irlanda si usavano rape a questo scopo , ma da quando ci fu un ondata di emigrazione in America, gli Irlandesi trapiantati nel nuovo continente ebbero difficoltà a reperire rape che furono quindi sostituite da zucche.Il fiore della zucca , il Giglio , era da sempre considerato fiore ideale per i morti, a causa del colore pallido che ne ricordava le ossa.Ma la zucca ha una doppia valenza : sacra alla Dea è associata al potere fecondante sia maschile che femminile.La tovaglia ideale sarà arancione o nera .Le candele arancioni, nere,argento, oro.Le pietre da utilizzare: corniola, onice nera e ossidiana.Le divinità :Cerridwen, Ecate ( sopratutto nella sua fase di anziana), Hel, Inanna, Ishtar,Psyche, Morrigan, Lilith e Rhiannon, grande Dea celtica , sovrana della terra che rappresenta uno degli aspetti della Dea Madre.Le piante ed erbe associate a Samhain sono: Pepe,mele, ginestra, zucca, mandragola, artemisia,salvia,rapa,noce moscata, ghiande da regalare agli amici come simbolo di lunga vita.Anche il grano quale simbolo della Dea è ideale.L’incenso in un rituale di Samhain   può contenere: cipresso,salvia, menta e noce moscata,alloro. La
mela è un frutto sacro, tagliato orizzontalmente, mostra, al suo interno un pentacolo formato coi suoi semi. Con essa si possono svolgere incanti o ottenere oracoli, in questo caso mangiare prima una nocciola che aiuterà nella divinazione.Sempre le mele sono un dono da offrire ai nostri defunti seppellendole.A questo proposito sarà utile apparecchiare la tavola o mettere cibo all’ uscio, la notte prima di coricarsi , proprio per gli spiriti che ci faranno visita, naturalmente corredare con una candela che guiderà loro la strada! Ricalcando un pò la tradizione dell’ epifania sarebbe bello confezionare dei coni in stoffa per i bambini (sostituiscono un pò le cornucopie) e farle loro trovare piene di dolci la mattina dopo.Il simbolo è molto semplice: la povertà (il cono vuoto) viene “riempito” dai nostri cari defunti che portano ricchezza e abbondanza.A questo proposito è utile parlare ai bambini degli antenati.Non dimentichiamo le foto dei nostri cari defunti da apporre in vista.
Per le streghe è il momento ideale per costruirsi la scopa! L’ altere seguirà le regole di cui sopra per ciò che riguarda colori e candele, ma nell’oggettistica non mancherà il calderone e gli animali totem della festa:
pipistrelli, gatti e cani (questi ultimi simbolo di fedeltà e sacri a Ecate).Se abbiamo il caminetto scriviamo il nome di ciascuno su una pietra e lanciamola sul fuoco.. dai segni e dallo stato della pietra al giorno dopo, si trarrà la buona sorte.Lascio l’ interpretazione personale a ognuno di noi…In alternativa bruciate noci su qui avete riposto un desiderio.Accendete una candela consacrata con olio di patchouli e osservate il colore della fiamma.. se diventa celeste un anima pura, probabilmente di una persona cara, è vicina.Fate un piccolo rito per allontanare cattive abitudini.Costruite una scala della strega intrecciando 3 nastri di diverso colore e alternando ai nodi oggetti quali pietre, bottoni, piume ecc…sempre intenti positivi e mai cercare di manipolare l’ altrui volontà..ricordiamoci la regola del Tre. Non dimentichiamo la solita offerta per gli elementali.

Ricette per Sahmain:
Colcannon o cavolo chiazzato
In pratica un purè arricchito  di cavolo cappuccio, cotto e tritato,cipolla anch’ essa tritata e saltata in padella,un pizzico di pepe bianco.All’ interno si può mettere una moneta: per  chi capiterà sarà segno di ricchezza ma ATTENZIONE, USARE TUTTE LE PRUDENZE DEL CASO, per evitare soffocamento.Si può sostituire l’ uso della moneta all’ interno del cibo ponendola sotto il piatto.. chi si siederà nel posto con la moneta avrà altrettanta  fortuna!
Polpette di zucca
Ingredienti per  una dozzina di polpettine:
500g di zucca .
2 cucchiai di pan grattato, più quello per impannare,
30 gr.di formaggio parmigiano grattugiato,
sale,
un uovo,
40gr.  di formaggio tagliato a dadini ( scamorza,  fontina pasta dura, etc),
una cipolla piccola bianca da forno,
olio.
Ammorbidire cipolla e zucca  in  padella.Frullarle le verdure col pane,uovo sale e parmigiano.Da qui fare le polpettine al cui interno andrà posto un nocciolo di formaggio a pasta dura.Impannarle e friggerle.Volendo variare invece del dadino di formaggio  aggiungere  all’ impasto del prezzemolo e sostituire il parmigiano con pecorino.
Fare una torta a forma di corna di cervo come si usa in alcune zone della Bretagna: le  kornigou, che simboleggiano il Dio cornuto che perde le corna prima di rientrare nel suo regno nell’Aldilà.
Come bibite: birra,vino , idromele, succo di mela per i bambini e rhum zuccherato aromatizzato con limone e  arancio da bere caldo… la ricetta originale di questo elisir è reperibile in vari siti.

venerdì 18 ottobre 2013

Astrologia Vedica e Divinità


L' equilibrio delle perfette energie planetarie apportano energie positive alle nostre vite.
Gli astrologi indiani danno al tempo momenti e spazi ideali per lo svolgimento di varie attività e per le scelte. In India è consuetudine rivolgersi a loro per scegliere il momento più idoneo che porre atto ai propri progetti.
Ogni avvenimento  si crea, si sviluppa e si conclude in base qualità contenuta in un certo spazio di tempo, caratterizzato dai pianeti  che determinano  la pecularietà del tempo, proprio  in base al  numero del giorno a cui corrisponde.
Ogni pianeta è governato da una Divinità, la quale porta con sè attributi che si rispecchiano nel nativo del giorno a lui corrispondente.
In astrologia Vedica i raggi di energia sono nove e si uniscono o combinano creando correnti energetiche che se eccessivamente deboli o troppo forti creano squilibri e contraccolpi negativi per il nativo.


Navagraha  e quadranti planetari.. sono nove i pianeti che hanno maggiore influenza sulla terra : Surya (Sole), Chandra (Luna), Budha (Mercurio), Kuja (Marte), Shukra (Venere), Guru (Giove), Shani (Saturno), Rahu e Ketu che corrispondono ai nostri nodi lunari.
Il numero del giorno di nascita è governato da un Dio:

Surya: 1 - 10 - 19 - 28
Chandra: 2 - 11 - 20 - 29

Guru: 3 - 1 2 - 21 - 30
Rahu: 4 - 13 - 31
Budha: 5 - 1 4 - 23
Shukra: 6 - 1 5 - 24
Ketu: 7 - 1 6 - 25
Shani: 8 - 17 - 26

Kuja: 9 - 1 8 - 27







SURYA
(SOLE numeri: 1 - 10- 19 -28 - elemento fuoco)

  
Nell'astrologia indiana Surya è "la luce suprema" Rappresenta il padre, la forza cosmica maschile, la volontà... è il Sole!
I nativi sotto il la reggenza di Surya sono persone "chiare"di personalità accentuata, forte,leonina.
Nessuno deve interferire su ciò che sta facendo, non accetta "lacci" nè  imposizioni.
E' portato ai lavori ambiziosi, che danno prestigio, pur essendo adatto al comando è nello stesso tempo, un originale.
Organi del corpo interessati:  vista,occhi, circolazione.

Descrizione Divinità:
E' effigiato,talora con tre capi, a simbolo delle stazioni solare annuali e giornaliere. Ad esclusione, del Quarto Passo, notturno-invernale , che secondo la teoria della terra piatta,un tempo riconosciuta, avveniva agl'Inferi e quindi  dal tramonto all'alba, o, stagionalmente  fra l'autunno e la primavera. 

Normalmente è però  raffigurato con un solo capo, a cavallo di un carro trainato da sette cavalli o di un cavallo con sette teste: i sette colori dell'arcobaleno e le sette chakra .  

Caratteristica da svilluppare:  sensibilità.
Cose da evitare:   eccessivo orgoglio.



CHANDRA
(LUNA numeri. 2 - 11 - 19 - 29 elemento acqua)

Nella mitologia indù, Chandra è il  nettare degli dèi, bevanda dell'immortalità ottenuta dal succo di una pianta raccolta in una notte di luna piena; per questo, e, nell'India antica, era considerata un dio, anziché una dea.
La luna governa maree, acque e vegetali delle acque.
Il 2 è femminile e rappresenta la coppia, la donna materna che dà vita e difende, protegge.
Molto emotivi, i nativi sono pacifici, sensibili, molto creativi, fantasiosi e amnati di ciò che è artisticamente romantico: poesia e arte. Non di rado dotati di un forte senso di giustizia.
Al negativo sono definiti "lunatici" a causa dei loro alti e bassi di umore,sprovvisti di determinazione, bisognosi di guida.
Ottimi i lavori nel campo dello studio dell' anima. Psicologi, terapeuti o portati a  lavori creativi anche a beneficio di altri.
Organi del corpo interessati:  cuore,stomaco e raffreddamenti.
Caratteristica da sviluppare: forza 
Cose da evitare: lo stress e a malinconia.


Descrizione Divinità:Viene raffigurato come un giovane aureolato che attraversa il cielo, di notte, con il suo carro che trasporta la luna trainato da cavalli bianchi o antilopi.


GURU
( GIOVE numeri  3- 12 - 21 - elementi fuoco e acqua )

 Nell'astrologia indiana Guru o  Brihaspati è colui definito " pesante"," portatore di luce" il maestoso....governa tutto ciò che riguarda la religione, la filosofia, la spiritualità e la ricchezza,la fama, il successo, gli onori e i figli .Pianeta benefico per eccellenza espande le sue energie sull' intelligenza creativa di un individuo, protegge e accompagna 
nei lunghi viaggi,anche quelli mentali. 
Chi è nato nei giorni di Guru  poco si adatta a posizioni lavorative di secondo piano, desidera il successo e farsi strada nella vita e raggiunge i suoi obiettivi seguendo le orme di chi, il successo, ce l' ha già.
A questo suo modo di essere si adatta anche la sua laboriosità, disciplina e fiducia in sè.
Il successo tocca anche la sfera dei sentimenti,sebbene il suo carattere troppo orgoglioso rende un pò complicati i rapporti.
Organi del corpo interessati: nervi, pelle e fegato, tendenza al diabete.
Caratteristica da sviluppare: umiltà
Cose da evitare: eccessiva gelosia e orgoglio.



Descrizione Divinità: Un Guru che cavalca un elefante bianco.


BUDHA
(MERCURIO numeri 5-14-23- elemento aria)



Budha è il pianeta e la divinità che rappresenta l'intelligenza, l'intelletto, la comunicazione, l'analisi, il tatto e il sensi, la scienza, la matematica, affari, dell'istruzione e ogni forma di comunicazione. Esso aiuta a distinguere il reale dall'irreale. E' la parola, il commercio,la scrittura e il pensiero.
Il nativo posto sotto l' influenza di Budha ama lo studio ed è intelligente, portato per il commercio, trova il modo di guadagnare e di spendere.
Eccelle in tutte quelle che sono ler professioni legate alla comunicativa : avvocato,guida turistica,giornalista , commerciante..
Organi del corpo interessati: pressione del sangue e sistema nervoso
Caratteristica da sviluppare: scaricare l' accumulo di energia con sano movimento, ginnastica , passeggiate ,ecc...
Cose da evitare: tensioni

Descrizione Divinità: Viene raffigurato come un giovane dalle pelle verdastra con una scimitarra e uno scudo, a cavallo di un leone alato nel tempio Ramghur oppure , tiene uno scettro e di loto e cavalca un tappeto o un'aquila o di un carro trainato da leoni o da otto cavalli gialli. 
Budha presiede 'Budhavara' o Mercoledì .




SHUKRA
(VENERE numeri 6 - 15 - 24 - elemento acqua )

Nella mitologia indù Shukra è figlio Bhrigu il veggente, per cui è grande conoscitrice  delle scienze e dei testi sacri. Come Venere  - Afrodite incarna e sovraintende l'amore, l'arte,la poesia,la musica,la danza. E' simbolo della ricerca del piacere,ma anche delle doti  dell'ipnotismo e dell'alchimia.
Queste caratteristiche si rispecchiano nei nativi dei giorni del mese da lei governati:
magnetismo e gentilezza, fascino,a volte un pò frivolo e amante  degli agi, con tendenze ad essere emotivo, ma comunque fine ed educato.Il senso estetico è sviluppato e i legami forti li avrà con la famiglia di origine, anche se non ama le imposizioni, sarà portato a un matrimonio in giovane età, anche a causa della sua passionalità,poichè è più guidato dai sentimenti che dal raziocinio. E' anche testardo.
Organi del corpo interessati:
Polmoni - apparato riproduttivo - reni.

Caratteristica da sviluppare: perdono

Cose da evitare: soffermarsi sul passato

Descrizione Divinità: 


Pelle bianca, bella apparenza, l'età media.  E' rappresentata su  un cavallo con in mano una canna, rosari e Padma (medaglia dia alta onorificenza) , e, talvolta, arco e freccia.


SHANI
(SATURNO numeri 8 - 17 - 26 - elemento Terra )


Secondo gli  indù Shani guida il carro di Surya,questo basti  a indicare lo sforzo da affrontare perché si riveli la vera luce e spiega perchè questo Deva è visto come Dio di meditazione, distacco, obiettività, e serietà,qualità  necessarie per affrontare l'esistenza.
La parola Shani ha origine da Śanayē Kramati SAH : colui che si muove lentamente. In effetti  Saturno impiega circa 30 anni  nella sua orbita attorno al Sole.
Quando Shani, appena nato, aprì gli occhi  per la prima volta, il sole ebbe un'eclissi,da sottolineare la sua forza di impatto in un tema natale.
Saturno è il maestro. Egli appoggia i giusti ma per chi tradisce e si comporta in maniera ingiusta lo avrà contro.
Chi è nato sotto il Deva Shani ha caratteristiche saturnine: è riservato, paziente,introverso,in compenso molto equilibrato e solido.
L' apparenza però inganna... sotto la dura scorza, si nasconde un animo gentile, pronto a dare sostegno agli amici...
Questo permette al nativo di intraprendere tutte quelle professioni in cui si richiede pazienza, intuito e sangue freddo.rgani del corpo interessati:  tendenza ai reumatismi, ansia, depressione,  intestino.

Descrizione Divinità:

Colore scuro, vestito di nero, che impugna una spada, frecce e due pugnali,a cavallodi un corvo.
Caratteristica da sviluppare: divertirsi, senso dell' umorismo.
Cose da evitare:  la vendetta e la malinconia.

KUJA

(MARTE numeri 9 - 18 - 27- elemento fuoco)
"Marte ha gli occhi iniettati di sangue, è volubile, generoso, bilioso, irascibile ed ha la vita ed il corpo sottile." (Parashara, 3.25)  
Nella mitologia indiana Kuja è il figlio della terra e  quindi è in grado di far emergere gli aspetti primordiali e oscuri insiti negli istinti.
E' un dio passionale, focoso e irascibile e governa la capacità di irrompere e proiettarsi nel mondo, caratteristiche di chi è nato sotto i suoi influssi sono: forza di volontà e determinazione, capacità di  progredire rapidamente nell'ambito professionale in maniera indipendente  poichè non tollera di ricevere ordini. 
Tra le sue doti vi è la sincerità e la capacità di comprendere le situazioni, ma non accetta interferenze e critiche. Capacità di sopportare scarifici per giungere alla meta.
Organi del corpo interessati: stomaco e del fegato,ossa e del sistema nervoso.

Caratteristica da svilluppare: Svolgere un arte marziale per portare disciplina e ordine alla  vita.
Cose da evitare: La fretta, l'aggressività, la collera e l' impulsività.

Descrizione Divinità: Viene raffigurato come un giovane vestito in arancione a cavallo di un montone o ariete. 
Budha presiede  il giorno di Martedì.

Ketu e Rahu  sono  i punti di intersezione nel movimento del Sole e della Luna  intorno alla sfera celeste  e sono rispettivamente chiamati nodi lunari  Nord e  Sud .
Essi sono considerati Asura, esseri  in costante lotta con i deva /divinità.
Generalmente  gli asura presiedono i fenomeni morali e sociali e i deva presiedono i fenomeni naturali.

RAHU
(NODO NORD numeri 4 - 13 -  22 - 31 )



Ritenuto  l'ombra di Chandra, è simbolo dell'illusione, la ricerca del successo e del piacere, l'inquietudine della mente, gli spostamenti. 
Chi è nato sotto la protezione di Rahu è capace di affrontare gli imprevisti della vita. E' intelligente e  caparbio, dotato di pazienza e audacia, mista al coraggio.
Per nulla soddisfatto di niente, rifiuta le regole e aiuta chi ha bisogno... una sorta di Robin Hood per intenderci. Sfida le regole sociali per ottenere riforme atte ad aiutare le classi più bisognose ed è anche capace di pianificare, ottimo stratega dunque.
Un altra sua passione è l' arte. Poco fortunato in amore vedrà arrivare la sua fortuna dopo i 40 anni circa.
Organi del corpo interessati: cuore, sbalzi di pressione tendenza a malattie infettive, raffreddori, tosse
Caratteristica da svilluppare: purificarsi con diete e nello spirito
Cose da evitare: eccessi in ogni campo.


Descrizione Divinità:  Rahu è una testa di un asura tagliata, che inghiotte il sole provocando le eclissi . E' raffigurato come un serpente senza corpo che guida una biga trainata da otto cavalli neri. Rahu kala è l' ora del giorno sotto l'influenza di Rahu ed è così calcolata : si prende il tempo totale tra l'alba e il tramonto, in un dato luogo, e si divide per 8. Secondo il giorno della settimana si avrà l' ora dedicata a ciascun pianeta o nodo. Il Rahu Kala è considerato di cattivo auspicio.

KETU
(NODO SUD numeri 7 - 16 - 25)

Ketu è l'ombra di Surya e il corpo di Rahu, ma è anche stato  l' incarnazione di Indira,. Esso rappresenta perciò l'incertezza, la mancanza di fiducia, l'isolamento e indica il processo spirituale che trae dalla materializzazione di spirito la propria elevazione al divino.Ed è  considerato sia malefico che benefico, in quanto, per raffinare l' animo  provoca dolore e perdita. Esso è il compimento delk ciclo di liberazione di nascita e morte : è il richiamo alla spiritualità dal distacco dai desideri e dalle ambizioni. 
Chi è guidato da Ketu in modo positivo potrà essere un ottimo erborista o omeopata o medico olistico. Molto generoso, romantico e di animo nobile, può apparire rigido e trasandato esteriormente, caratteristiche che non corrispondono alla sua anima.
Solo se non riesce a realizzare i suoi obiettivi diventa scontroso e si rifugia in un mondo di sogni. "Keto" fu sostenitore di  grandi medici, sacerdoti, pensatori,che vissero il loro ruolo staccati mentalmente dal successo.. 
Organi del corpo interessati:  stomaco, apparato riproduttivo e circolazione.
Caratteristica da svilluppare: regolarità ai pasti e nelle abitudini
Cose da evitare:  fumo, alcol e droghe e vizi che danno intossicazione e dipendenza


Descrizione Divinità:  Un uomo col corpo di pesce o serpente o a cavallo di un corvo.